Le letture della domenica

Liturgia della Parola – 02 agosto 2020
diciottesima domenica del Tempo Ordinario A

1. Dal libro del profeta Isaia (55,1-3).
2. Salmo responsoriale (Sal 144)  Rit.: Apri la tua mano, Signore, e sazia ogni vivente.
3. Dalla lettera ai Romani di San Paolo Apostolo (8,35. 37-39).
4. Dal Vangelo secondo Matteo (14,13-21).

… per riflettere e pregare

Le letture della diciottesima domenica del tempo ordinario pongono al centro della riflessione di ciascuno la questione fondamentale per ogni essere umano: il cibo necessario per vivere. La prima lettura presa dal libro di Isaia, capitolo che chiude la seconda parte del libro diretta agli esiliati di Israele, parte dalla necessità del cibo per invitare a cercare ciò che è necessario per la salvezza di ognuno: non limitarsi al materiale ma andare oltre e cercare quell’alimento che nutre la persona nelle sue più profonde esigenze, quelle dello spirito. Così il Vangelo presenta il miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci. Questo miracolo è presente in tutti e quattro i vangeli (Mt 14,15-31; Mc 6,35-34; Lc 9,12-17 e Gv 6,5,13) a sottolinearne l’importanza per il significato che riveste nell’insegnamento di Gesù. A differenza della prima lettura Gesù invita i discepoli a provvedere al mangiare. Di fronte alla loro perplessità Gesù compie il miracolo della moltiplicazione. Il pane offerto a tutti diventa così quel segno reale che unisce a Gesù e che invita a ricercare in Lui il vero alimento di cui ha bisogno ogni persona. Raggiunta questa consapevolezza il credente sa che nulla potrà più separarlo da Cristo come dice l’Apostolo nella seconda lettura odierna. Per questo, con il salmista, siamo chiamati a dire ed invocare: “Apri la tua mano, Signore, e sazia ogni vivente”.

scarica il pdf: Diciottesima domenica TO A