Le letture della domenica

Liturgia della Parola di domenica 15 dicembre 2019 terza di Avvento

  1. Dal libro del profeta Isaia  (35,1-6.8.10).
  2. Salmo responsoriale (dal Salmo 145). Rit.: Vieni Signore a salvarci.  
  3. Dalla lettera di San Giacono apostolo (5,7-10).
  4. Dal Vangelo secondo Matteo (11, 2-11 ).

… per riflettere e pregare

La terza domenica di Avvento è caratterizzata dall’invito alla gioia. La prima lettura tratta dal profeta Isaia invita a rallegrarsi in quanto il popolo può tornare finalmente libero. Chiunque, ancora oggi, viva una qualsiasi forma di schiavitù (spirituale, psicologica o materiale che sia) può comprendere questo sentimento nel momento in cui si scopre finalmente libero; significative le immagini usate dal profeta per comunicare la gioia del riscatto operato da Dio: si aprono gli occhi dei ciechi, gli orecchi dei sordi, lo zoppo che salta come un cervo e la lingua del muto grida. Per questo, nel Vangelo, il Battista cerca di sapere se Gesù è quel Messia che porta a compimento la liberazione dell’uomo. La risposta di Gesù è di parlare attraverso le sue opere che sono quelle preannunciate dal Profeta: i ciechi vedono, gli storpi camminano, i lebbrosi sono guariti, i sordi sentono, addirittura i morti risorgono e i poveri sono i destinatari della buona novella.
Per colui che cerca Dio è necessario entrare in questa categoria di povero per scoprire la bellezza della buona novella ed invocare, nell’attesa del Natale: “Vieni, Signore, a salvarci”.

Scarica il pdf.:  Terza domenica avvvento A