Le letture della domenica

Liturgia della Parola – domenica 26 settembre 2021

Ventiseiesima domenica del Tempo Ordinario B

1.  Dal libro dei Numeri (11,25-29).
2. Salmo responsoriale (dal Salmo 18)  Rit.: I precetti del Signore fanno gioire il cuore. 
3. Dalla lettera di S. Giacomo apostolo (5,1-6).
4. Dal Vangelo secondo  Marco (9,38-43.45.47-48).

… per la riflessione e la preghiera

La liturgia della Parola di questa domenica offre l’opportunità di riflettere su vari aspetti.
Il primo che collega il Vangelo e la prima lettura è dato dal fatto di chi compie quelle opere che non sono esclusive del cristiano. Dio è libero quando concede i suoi doni e non è tenuto ad obbedire agli schemi umani.
L’accoglienza del povero, del forestiero, dell’orfano, della vedova, del carcerato non è prerogativa solo dei cristiani.
L’altro aspetto è quello dato dallo scandalo nei confronti dei piccoli (si tratta non solo dei bambini ma anche dei semplici). Verso quelli che compiono il male verso queste creature indifese il giudizio di Dio è chiaro: è meglio per loro che scompaiano nelle profondità del mare.
L’ultima parte del Vangelo è un ulteriore chiarimento sul fatto di essere attenti contro la tentazione e la falsa sicurezza di se stessi.

scarica il file pdf; 26 domenica TO